L’ABC del caffè: da “Espresso” a “Nespresso”

Le parole del caffè: siamo alla seconda puntata della nostra piccola-grande guida dedicata ai coffeelovers e a tutti coloro che sono interessati a scoprire il lessico legato al mondo di questa meravigliosa bevanda.
L’ultimo lemma dell’articolo precedente era la Drupa, frutto della Coffea. Oggi ripartiamo dalla E… di Espresso!

E

ESPRESSO

Il caffè per eccellenza 🙂 Bevanda ottenuta dal processo di torrefazione e macinazione dei chicchi di Coffea. È prodotto attraverso la percolazione di acqua calda sotto pressione che passa attraverso uno strato di caffè macinato e pressato. Il termine espresso identifica un metodo di estrazione ottenuto con l’ausilio di una macchina che eroga acqua a 9 bar di pressione. (vedi processo di percolazione)

ESPRESSO POINT

Il sistema originario che ha introdotto il concetto di capsula (impropriamente chiamata tuttora cialda) per macchine da caffè. Lanciato da Lavazza ad inizio anni 90 ha conosciuto un boom fenomenale per diffusione in quegli anni soprattutto negli uffici, per poi espandersi al mercato domestico al successivo scadere del brevetto e all’entrata sul mercato di numerose torrefazioni che incapsulando in cialde compatibili Lavazza Espresso Point lo hanno reso di fatto ancora il sistema principe del settore.

ESPULSIONE AUTOMATICA

Caratteristica meccanica delle macchina da caffé che determina l’espulsione della capsula dall’alloggiamento senza l’intervento manuale del consumatore

ESTRAZIONE

Processo che permette di ricavare le sostanze contenute nelle cellule dei chicchi di caffè (grassi, acidi, amminoacidi, zuccheri, Co2). Ogni tipologia di caffé richiede una particolare temperatura e procedura di estrazione.

F

FARM

Termine che identifica una coltivazione di caffé, molto utilizzato per i caffe’ di qualità.

FILTRO o CAFFÈ FILTRO

Il filtro si prepara per infusione della polvere del caffè in acqua bollente.

FRENCH PRESS

Metodo di estrazione con filtro (stantuffo) a rete metallica. Lo stantuffo viene abbassato verso il fondo del bicchiere e la polvere di caffè viene compressa per separare la parte liquida da quella solida.

FULLY WASHED (O CAFFÈ LAVATO)

Caffè lavato, ovvero immerso in acqua per circa 12 ore fino a fermentazione. Gli enzimi presenti nell’acqua distruggono la pectina e i residui di polpa senza intaccare il chicco. Una volta fermentato, il chicco viene immesso in appositi canalini in cui viene lavato e poi asciugato al sole. Il caffè fully washed ha un aroma molto intenso perché il processo di fermentazione riesce ad esaltarne acidità e note aromatiche. ll metodo lavato tradizionale consuma circa 100 lt di acqua per ottenere 1kg di caffè verde.

G

GIMOKA

Fondata nel 1982, Gimoka è uno dei produttori maggiori di capsule compatibili per svariati sistemi in commercio.

GRAMMATURA

Quantità di materia prima espressa in grammi contenuta in una capsula o cialda, o più genericamente in altri contenitori. Generalmente capsule e cialde contengono dai 5 agli 8 grammi di caffè.

H

HARMLESS

Nei paesi anglosassoni è l’espressione per chiedere un espresso decaffeinato.

I

ILLY

Marchio e azienda tra le più importanti del settore caffè italiano a livello industriale. Proprietaria anche di sistemi a capsule chiusi come Iperespresso e Mitaca prima divulgatrice e promotrice dello standard Ese per le cialde in cartafiltro.

INTENSITÀ

L’intensità di un espresso si misura in base al grado di torrefazione, al corpo e all’amarezza. Non è correlata alla percentuale di caffeina contenuta nell’espresso.

IPERESPRESSO

Sistema a capsule chiuso (non compatibile con altri sistemi) di proprietà di Illy Caffè.

K

KAFFA

(da cui probabilmente deriva la parola “caffe”) una zona in Etiopia ancora oggi tra le più rinomate produttrici di caffè al mondo.

KIMBO

Torrefazione napoletana fondata a metà del secolo scorso, ha visto una rapida ascesa nel mondo della distribuzione automatica grazie all’ottima qualità delle proprie miscele in cialde Ese e cialde compatibili Lavazza.

KIT

Nel mondo del vending tale termine identifica la scatola di accessori contenente bicchierini, zucchero e palette tipicamente fornite nel servizio di comodato insieme alle consumazioni

L

LATTE ART

Creazioni di disegni sulla superficie del caffe o cappuccino attraverso il versamento della crema di latte e l’utilizzo della lattiera. La Latte Art è una pratica nata in Italia negli anni ’70. (Scopri di più sulla Latte Art qui)

LAVAZZA

Industria del caffè tra le più importanti in Italia e all’estero fondata da Luigi Lavazza, è stata la pioniera dei porzionati in capsula con il sistema Espresso Point al quale sono seguiti i successivi Blue e A Modo Mio.

M

MACINATURA

Processo di polverizzazione dei chicchi tostati. La macinatura può essere fine o grossa. Dal grado di macinatura dipendono successivamente la velocità con cui scorre il caffè e il suo profilo aromatico.

METODO NATURALE

Processo di essiccatura della drupa che esalta la dolcezza e il corpo del caffè. Il procedimento consiste nell’essiccatura delle drupe al sole dopo un breve lavaggio in acqua. Quando le drupe raggiungono la massima disidratazione sono affidate a delle macchine decorticatrici che puliscono definitivamente il chicco. Si ottiene così il caffè verde detto “naturale”.

METODO UMIDO

Procedimento di lavorazione delle  drupe costituito da lavaggi successivi, cernita, poi essiccazione. In questo modo si rimuove la pellicola esterna delle ciliegie per recuperare i due chicchi, o fave, contenuti all’interno. Da questo procedimento si ottiene così il caffe’ verde detto “lavato”.

MISCELA (o BLEND)

Caffè frutto della combinazione di più origini o unione di diversi tipi di caffe. Si possono avere miscele di sola Arabica o di diverse percentuali di Arabica e Robusta.

MOCA (o MOKA)

– Varietà di Arabica a basso contenuto di caffeina, originaria dell’Etiopia. Una delle poche varietà di caffé  usata pura, senza miscelarla con altre. Ha dato il nome alla tipica caffettiera italiana. – Caffettiera ideata nel 1933 da Alfonso Bialetti. Si compone di 4 elementi essenziali in alluminio o acciaio: la caldaia o bollitore, in cui va inserita l’acqua, il filtro metallico a forma di imbuto dove si versa la polvere, il bricco superiore dotato di un ulteriore filtro e la valvola di sicurezza che previene un aumento eccessivo della pressione nella caldaia.

MOCACCINO

Bevanda calda costituita da cappuccino, panna e cioccolata, talvolta con l’aggiunta di polvere di cacao. Viene solitamente servita in bicchiere di vetro, allo scopo di rendere visibili gli strati formati dai diversi ingredienti.

MONORIGINE 

Caffe proveniente da una singola piantagione. Le condizioni pedoclimatiche di un luogo specifico conferiscono al chicco delle caratteristiche precise, che diventano espressione di un territorio. (Leggi l’articolo sui caffè monorigine dal Brasile e dall’India)

N

NAPOLETANA -CAFFETTIERA

Caffetteria in alluminio costituita da un serbatoio d’acqua, un contenitore di caffé, un filtro, un serbatoio per la bevanda e un coperchio. Quando l’acqua arriva a ebollizione, il vapore fuoriesce dal foro del serbatoio d’acqua e la caffettiera deve essere capovolta. L’acqua passa verso il basso attraverso il caffé e viene raccolta nel contenitore. (Vedi anche alla voce Cuccumella)

NESPRESSO

Sistema a capsule di alluminio di proprietà della Nespresso, società del gruppo Nestlè. Coperto da centinaia di brevetti, dopo innumerevoli battaglie legali, Nespresso ha visto legalizzare dal tribunale di San Gallo la commercializzazione di capsule compatibili per il proprio sistema.

 

To be continued..

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *